Google DRM per app Android e nuova gestione account

google
Sin dai primi anni, Google è stata ed è tutt'ora, il baluardo della rivoluzione ed evoluzione tencologica e di informazione mondiale e come tante altre aziende hi-tech è stata costretta a scontrarsi con il mondo della pirateria digitale, da oggi però, tutto questo avrà un seguito diverso, scopriamo perché.

Google DRM

Nelle ultime ore, l'azienda leader californiana di Mountain View, ha deciso di applicare una linea dura riguardante l'argomento pirateria, infatti dai prossimi giorni, verranno inseriti dei metadati in tutte le applicazioni Android, anche e soprattutto a quelle app non distribuite direttamente dal play store.

Parliamo quindi di veri e propri DRM (Digital Rights Management), ovvero dei particolari meccanismi software che vengono installati all'interno delle applicazioni per prevenirne la copiatura e la duplicazione illegale.
Grazie a questa politica decisionale da parte di Google, gli utenti Android, da oggi in poi, dovranno scontrarsi con tali controlli che forzeranno l'utenza ad utilizzare le versioni aggiornate e legali delle app scaricate.
Tra gli obiettivi di Google, ci sarebbe quello di aiutare gli sviluppatori a raggiungere un pubblico più esteso e in tutti quei paesi in cui vi è ancora una connettività limitata dovuta ai costi eccessivi del traffico dati.

Come funzionano i DRM e quali sono gli obiettivi?

La funzionalità dei DRM sulle app Android non porteranno ad alcun risvolto di difficile esecuzione, poiché il tutto avverrà automaticamente attraverso la verifica di una stringa di comando celata all'interno del file .apk, in questo modo si eviteranno a priori problemi di trasparenza dovuti ai download poco leciti da piattaforme non autorizzate.

Gestione semplificata dell'account

Le buone nuove targate Google, non sono ancora finite, infatti la Regina dei motori di ricerca della Silicon Valley ha anche annunciato la nuova versione della pagina account di Google, ovvero una versione molto più facile ed intuitiva soprattutto per i nuovi utenti.
La nuova pagina account presenta varie categorie suddivise per tipologia, partendo naturalmente dalla sezione "home", all'interno della quale potremo gestire tutto ciò che riguarda gli aspetti di privacy e sicurezza ma anche la gestione dello spazio di archiviazione del nostro account.
Un'altra funzione è rappresentata dalla voce "profilo" nella quale sarà possibile inserire tutti i dati come foto profilo, nome, cognome, data di nascita ed infine la funzione di gestione per il cambio della password, insieme alle impostazioni di privacy sui dati da mostrare o meno agli altri utenti google.
Altra categoria "dati e personalizzazione" utile per raggiungere la dashboard di google e per visualizzare i servizi acquisiti sul nostro account, infine alle voci "contatti" per visualizzare per l'appunto i propri contatti e la voce finale dedicata ai "pagamenti", che sarà molto utile per visualizzare tutti i contenuti ed i servizi acquistati con le relative informazioni riguardanti i pagamenti in corso.
La nuova pagina account utente di google è davvero facile, intuitiva e soprattutto gradevole alla vista, risulta molto più semplice e sbrigativa della vecchia pagina e ne permette un utilizzo diretto, d'altronde tale interfaccia sarà sicuramente stata concepita anche per una determinata utenza poco pratica in campo digitale.
Apple: processori a 7nm per il 2018 e beta IOS12 d...
Recensione Zhiyun Smooth 4: lo stabilizzatore per ...

Related Posts