Recensione base di raffreddamento da gaming Klim Cyclone

kilimcyclone

L'estate è alle porte, oltre alla borsa per il mare ricordiamoci anche quella del nostro portatile! WhyTech.it ha recensito per voi il Klim Cyclone, una potentissima base di raffreddamento per notebook in stile gaming dotata di 5 ventole...

Una volta estratto il cooli​ng stand dalla sua scatola, possiamo già osservare la presenza sotto la griglia di una grossa ventola centrale e di altre 4 più piccole intorno, tutte circondate da led che si accendono e variano di luminosità proporzionalmente ai giri delle ventole, che possiamo regolare.

A lato troviamo due regolatori per la velocità e la luminosità dei led: rispettivamente delle due ventole inferiori e di quella centrale assieme alle due superiori. Al loro fianco sono presenti anche due porte USB 2.0, una delle due la useremo per collegare la base al PC e alimentare il tutto, l'altra, ci permette di collegare, all'occorrenza, altri dispositivi (molto utile nei notebook con poche porte USB). 

Un approfondimento lo merita invece la parte posteriore: sul retro troviamo un cavo USB in nylon (dettaglio a mio avviso molto apprezzabile) lungo circa 1 metro per il collegamento del cooling pad al PC, cavo che troviamo arrotolato in basso ma che a nostro piacimento possiamo riporre nello scomparto nascosto in alto sotto un coperchio. In alternativa, in quest'ultimo, possiamo riporre tranquillamente una pendrive o altri accessori delle medesime dimensioni.

A circondare il tutto troviamo le viti, che ci permettono di smontare il cooling pad per pulirlo (e farlo lavorare) al meglio.

Smontandolo possiamo separare parte superiore e inferiore, mentre la singola griglia è agganciata tramite dei perni in metallo, sconsiglio tuttavia di rimuoverla poichè a lungo andare potrebbe danneggiarsi. Dettaglio comune della maggior parte dei cooling pad e accessori per notebook, in quanto un meccanismo di aggancio più resistente richiede maggiore spazio, qui si è preferito lasciare spazio alle ventole e al ricircolo dell'aria in entrata e in uscita.

Personalmente per prevenire che possa entrare polvere quando il notebook non è appoggiato sono solito coprirlo.

Un'altra caratteristica del Klim Cyclone, è la possibilità di inclinazione per mezzo dei supporti posti ai due lati, questi permettono di regolarne l'altezza con un ampio range, forse fin troppo generoso. Basti pensare che prima di riuscire a scattare la foto con i supporti alla massima estensione ho rischiato di far scivolare il computer prima di trovare, dopo un po' di tentativi, la giusta posizione. Sconsiglio quindi di utilizzare la base alla massima inclinazione, soprattutto nel caso in cui si possegga un notebook pesante o più grande di 15,6".

Il Klim Cyclone è certamente una base di raffreddamento molto valida, nonché una delle basi più potenti sul mercato: le 4 ventole più piccole  raggiungono una velocità di 2200 RPM mentre quella più grande una velocità di 1200 RPM, inoltre sono posizionate in modo da garantire il raffreddamento del notebook in maniera uniforme. Nonostante le ventole siano molto potenti, segnalo che il rumore prodotto è abbastanza accettabile, infatti, come dichiarato dal produttore non supera i 27​dB

Una particolare menzione va anche ai materiali usati per la costruzione, che rendono questo prodotto resistente, tanto da permettere all'azienda di offrire ben 5 anni di garanzia.

Terminiamo con una galleria che mostra la base di raffreddamento in azione, come potete notare ha uno stile molto gradevole che ben si presta a chi possiede un setup da gaming.


Guarda la video recensione

I migliori ripetitori WiFi del 2017
Le 5 migliori app per trovare lavoro

Related Posts