Mascherine con la stampante 3D: l’idea di un’azienda messinese

Mascerina-stampa-3D

Si chiama Open Mask Sicilia il progetto di FabLab Messina nato per supportare le Aziende Ospedaliere nella lotta contro il coronavirus. 

L'iniziativa, nata da un'idea di Giovanni Bombaci socio di Fablab Messina, è stata lanciata con lo scopo di produrre delle mascherine riutilizzabili da donare al personale sanitario durante questa emergenza virale.

Collegandosi a questa pagina del sito è possibile reperire tutte le informazioni e il materiale necessario per aderire all'iniziativa che, in "soldoni", consiste nel mettere a disposizione di chiunque sia in possesso di una stampante 3D​, i file necessari per la stampa delle mascherine.

I prototipi, sviluppati seguendo le indicazioni dei medici dell'ospedale di Milazzo, sono due ma è possibile scaricare anche i file per la stampa di un adattatore per convertire le maschere "EasyBreath" di Decathlon in maschere CPAP e uno sdoppiatore a Y che consentirebbe di collegare due pazienti ad un unico ventilatore.

Come segnalato dallo stesso team di Open Mask Sicilia, le mascherine non hanno la pretesa di sostituirsi a un "presidio medico", in quanto non pienamente conformi alle normative sanitarie vigenti. Tuttavia potranno essere un valido supporto per tamponare un bisogno contingente. Spetterà ai vari operatori sanitari valutare i tempi e i modi della loro applicazione.

Cavo USB microspia e localizzatore
Anteprime finestre nella barra di Windows 10 non s...
 

Articoli correlati